Torna alla lista

Santuario di Fornò

Monasteri Aperti
€0,00
Nell’ambito del programma “Monasteri aperti in Emilia-Romagna – due giorni dedicati alla scoperta di Monasteri, Pievi, Abbazie e luoghi di Fede millenari lungo i Cammini e le Vie di Pellegrinaggio” si organizzano degli eventi inerenti il Santuario di Fornò. Una camminata-passeggiata "ecoambientalista", per la Pace, per una mobilità sostenibile, con tre percorsi alternativi che confluiscono tutti al Santuario Santa Maria della Misericordia e di Grazie in Forno', utilizzando anche micro-mezzi personali elettrici (bicicletta, monopattino, overboard...). E' possibile partecipare anche con gli amici "quattro zampe", con carrozzine per bambini e per disabili Il progremma consiste in: – Tre cammini concentrici verso il Santuario: a) dal Parco Mandolesi (Via Antonio Bonavita di Forlì) alle ore 9,00 – 8,00 km – pianura b) dal Parcheggio delle scuole di Carpinello alle ore 9,45 – 5,00 km – pianura c) dal Ponte di Bagnolo alle ore 10,00 – 4,00 km – pianura Arrivo di tutti e tre alle ore 12,00. – Pranzo al sacco. Per chi lo desidera sarà disponibile un servizio di ristorazione. – Alle ore 15,00 visita guidata con racconti della Storia di Fornò e del territorio, a cura del prof. Marco Vallicelli e di Gabriele Zelli. Presentazione del libro "Il Santuario Santa Maria di Misericordia e di Grazie in Fornò". Presentazione delle Storie avvenute a Fornò e dintorni durante la Seconda Guerra Mondiale. – Seguirà intrattenimento con musiche tradizionali romagnole e internazionali, fino alle ore 18,00, ora di chiusura dell’evento. Dalle ore 10,30 accesso all'area Gioco-Bimbi

Indirizzo: via del Santuario - Fornò (FC)
 
Cammini Interessati
  • via Romea Germanica
Per maggiori informazioni:
Tel - 347 2466056
Email - quartiere.spazzoli@comune.forli.fc.it
Un monaco (forse ex corsaro) chiamato Pietro Bianco da Durazzo, arriva in quella zona dall'Albania, nel XV secolo. In quegli anni in Albania vi era in atto l'invasione turco-maomettana e con la sconfitta di Skanderberg, molti cristiani fuggirono in Italia. "L'anno del Giubileo 1450 mi Piero da Durazzo principiai questa Chiesa di Santa Maria di Misericordia e di Grazia facta con tuti i beni e ornamenti suoi bellissimi a Dio nostro dilettissimo Signore degnissimo Salvatore eterno per sempre in secula". Il Monaco potè costruire questo monumento grazie all'appoggio di Pino III Ordelaffi signore di Forlì.E' un capolavoro rinascimentale di volumi perfetti. L'uso di pianta circolare con piante poligonali e a croce greca, con compenetrazioni perfette di volumi. Opere d'arte sono la "Madonna con Bambino" e un finissimo bassorilievo in marmo attribuiti ad Agostino di Duccio, il sarcofago di Pietro da Durazzo, affreschi della scuola di Melozzo da Forlì e di Palmezzano

Galleria immagini

Acquista
Le migliori strutture per le tue vacanze in Emilia Romagna
direttamente nella tua email!
Hai bisogno d’aiuto?
Emilia Romagna: terra da scoprire!
Seguici:

Emiliaromagnawelcome.com - Tutti i diritti riservati - P.IVA 02540800394
Credits TITANKA! Spa © 2016