Torna alla lista

Pellegrini e Ospitali a Spilamberto

Monasteri Aperti
Fin dai tempi più remoti Spilamberto è stato paese di confine, crocevia di strade e culture che si intersecavano e attraversavano il territorio. La riscoperta e valorizzazione di questo ruolo fondamentale di Spilamberto nelle vie di pellegrinaggio inizierà con la visita guidata al Museo Archeologico di Spilamberto che ospita la tomba del pellegrino rinvenuto nel cimitero dell'antico Ospitale di San Bartolomeo, di fondazione Benedettina Nonantolana e dipendente dall’Ospitale di Val di Lamola (Fanano). Si prosegue con la visita alla Chiesa della Beata Vergine del Carmine sec. XVI e alla canonica annessa. II terreno su cui e' costruita l'odierna Chiesa di Santa Maria del Carmine fu donato dal Marchese Guido Rangoni, anche allo scopo di destinare il nuovo edificio sacro ad accogliere le sepolture di famiglia. L'attuale costruzione è ancora quella originale, salvo l'eliminazione del portico antistante la facciata, abbattuto nel 1935 allo scopo di allargare la strada, allora di circonvallazione. Nella chiesa, che raccoglie le spoglie mortali di alcuni Rangoni-Bentivoglio, sono presenti numerose opere d'arte, fra cui ricorderemo una Adorazione dei Magi, un Sani 'Antonio da Padova ed un Transito di San Giuseppe, tutti del XVIII secolo. Degni di menzione inoltre un paliotto in scagliola, opera del carpigiano Giovanni Gavignani, rappresentante San Francesco nell'atto di ricevere le stimmate; la tela del Manzini, sempre del XVIII secolo, posta sull'altar maggiore; e una via crucis di formelle ad olio su croci di legno, opera di Emilio Giusti. L'immagine originale della Madonna del Carmelo è invece stata rimossa ed è oggi conservata nella canonica di San Giovanni. La Chiesa del Carmine occupa un posto particolare nel cuore degli Spilambertesi: piccola e raccolta, nel mese di maggio è sede di uno dei rosari più seguiti e non di rado viene preferita alle parrocchiali per la celebrazione dei matrimoni. La terza domenica di luglio (il 16 di questo mese è dedicato alla Madonna del Carmine) è sede di una sagra, caratteristica per la processione serale con fiaccole." Scopo prioritario della Confraternita di San Bartolomeo Apostolo è quello di curare, gestire e promuovere, in tutte le forme, in tutti i luoghi e con tutti gli strumenti, anche formativi, il pellegrinaggio su percorsi antichi, nuovi e appositamente predisposti, che attraversano Spilamberto ed il suo territorio. La Confraternita si propone di riattivare e rinnovare la tradizionale ospitalità che nel nostro territorio affonda le sue radici nel medievale Ospitale di San Bartolomeo attraverso un progetto di ristrutturazione della Canonica annessa alla Chiesa di Santa Maria del Carmine per trasformarla in un ospitale per pellegrini.
Indirizzo: via del Carmine - Spilamberto (MO)
 
Cammini Interessati
  • via Romea Strata Germanica Nonantolana
Per maggiori informazioni:
Tel - 059 789970
Email - associazione.bartolomeo@gmail.com
Costruita fra il 1641 e il 1647 sopra ad una maestà a ricordo del miracolo qui compiuto dalla B.V. del Carmelo, è stata per molti anni meta di pellegrinaggi. Il suo interno custodisce tre bellissimi paliotti in scagliola, tele dei secc. XVI e XVIII, un’acquasantiera del 1578 e le spoglie mortali di alcuni Rangoni, particolarmente devoti e legati a questa chiesa in origine dotata di un bel porticato antistante l’ingresso principale e abbattuto nella prima metà del sec. XX per ampliare la strada che conduce a Vignola.

Galleria immagini

Acquista
Le migliori strutture per le tue vacanze in Emilia Romagna
direttamente nella tua email!
Hai bisogno d’aiuto?
Emilia Romagna: terra da scoprire!
Seguici:

Emiliaromagnawelcome.com - Tutti i diritti riservati - P.IVA 02540800394
Credits TITANKA! Spa © 2016