Prenota il tuo soggiorno!






Abbazia di Pomposa

Alla scoperta delle bellezze artistiche di Pomposa

Comacchio

Fermarsi all'abbazia di Pomposa, antico monastero benedettino del VI secolo, situato nel cuore del delta del Po, significa immergersi nella storia. L'atrio della basilica, il campanile, gli affreschi del refettorio, dell'aula capitolare e della chiesa sembrano parlare, sembra che vogliano raccontarci secoli di storia: la lotta incessante dell'uomo e l'acqua, il rincorrersi continuo di natura e cultura, la vita dei monaci benedettini e l'esplosione artistica del 300'.

Per chi ama l’arte, l’abbazia di Pomposa è una tappa obbligata. Entrare nell’anima di questo monumento architettonico significa lasciarsi alle spalle la Romea ed abbandonarsi ad un luogo dove il tempo sembra essere ancora scandito dal suono delle campane. Ciò che cattura l’occhio, appena svoltato il sentiero che dal parcheggio conduce al complesso abbaziale, è il campanile: imponente, elegante, leggero, sembra quasi dissolversi nel cielo. Un faro di civiltà.

Capolavoro dell’arte romanica, il monastero sorse tra il VI-VII secolo sull'isola pomposiana, circondata dai rami del Po e dal mare; qui i monaci, nella quiete dei boschi, si dedicarono alla preghiera e al lavoro seguendo la regola di San Benedetto. Dopo il mille, raggiunse l’apice della fama e dello splendore divenendo un rinomato centro di spiritualità e cultura sotto la guida dell'abate San Guido. Personalità unica, carismatica, che seppe dare impulsi vitali a questo monastero, ingrandendolo e commissionando la costruzione dell’atrio: un quadro a cielo aperto. La vitalità e cultura di questo luogo furono determinanti, poi, per il rivoluzionario inventore della scrittura delle note entro il rigo musicale, Guido Monaco, ai più conosciuto con il nome di Guido d'Arezzo, che proprio qui, fissò il sistema di note musicali.

Attraversato il Palazzo della Ragione il percorso museale ci conduce negli ambienti in cui trascorrevano le ore i monaci benedettini: refettorio, dormitorio (ora adibito a museo pomposiano), sala delle stilate, aula capitolare e chiesa.

Gli affreschi del refettorio, dell’aula capitolare, della chiesa sono la testimonianza di storia, arte, religione. Ad esempio, la Cena di San Guido, parte dell’affresco della maestosa parete del refettorio, rivela la necessita di calare la narrazione religiosa nella realtà pomposiana.

Antico Testamento, Nuovo Testamento, Apocalisse, Giudizio Universale. Questo il ciclo di affreschi che ci accoglie e avvolge quando entriamo in chiesa. Sono la grandiosità dell’insieme e i particolari che difficilmente svaniscono nella memoria.

Per visitare l’abbazia prendiamoci il nostro tempo.

Guide al territorio che potrebbero interessarti
Arte e Cultura
Spazio Pantani
Cesenatico
Un’area espositiva di 300 metri quadri dove è possibile ripercorrere la carriera del “pirata” attraverso foto, cimeli e materiali audiovisivi appartenuti al Campione di Cese...
Vai alla scheda
Arte e Cultura
Riolo Terme, rinomata località di villeggiatura apprezzata per le virtù terapeutiche delle sue acque, è situata su un piccolo e lussureggiante altopiano che il fiume Senio a...
Vai alla scheda
Arte e Cultura
Biblioteca Malatestiana Prima biblioteca comunale d’Italia e l’unica al mondo, di tipo umanistico-conventuale, a essersi conservata perfettamente in ogni s...
Vai alla scheda
Arte e Cultura
Le Saline di Cervia - Percorso storico
Cervia - Milano Marittima
DAL CENTRO ALLA SALINADalla Torre San Michele parte il percorso alla scoperta della città del sale e del mare, fruibile a piedi o in bicicletta. In ogni tappa del percorso C...
Vai alla scheda
Arte e Cultura
Di origini umbro-etrusche, Cesena conobbe un’epoca di magnificenza al tempo dei Malatesta (1378-1465), che diedero al Centro storico il volto odierno, e regalarono ai cittadin...
Vai alla scheda
Arte e Cultura
Itinerario dantesco forlivese Dante Alighieri è considerato il padre della lingua Italiana e la Divina Commedia è universalmente ritenuta la più grande opera letteraria scri...
Vai alla scheda
Arte e Cultura
Scopri l’arte a Forlì
Forlì-Cesena
La città di Forlì, cuore della Romagna per la sua posizione strategica che la colloca tra Bologna e Rimini, Ravenna e Firenze, è diventata nel corso dei secoli un centro cul...
Vai alla scheda
Arte e Cultura
Forlì Noir
Forlì-Cesena
Un itinerario, alla scoperta di luoghi ed edifici che nelle diverse epoche storiche erano stati teatro di agguati e vendette, fatti di cronaca nera ed eventi cruenti, spesso...
Vai alla scheda
Arte e Cultura
Atrium è un progetto europeo che coinvolge 18 partner internazionali, Forlì ne è la città capofila, e che sviluppa il tema dell’architettura dei regimi totalitari con l’intento...
Vai alla scheda
Arte e Cultura
Cesena Città del libro
Forlì-Cesena
Biblioteca Malatestiana Prima biblioteca comunale d’Italia e l’unica al mondo, di tipo umanistico-conventuale, a essersi conservata perfettamente in ogni sua parte....
Vai alla scheda
Le migliori strutture per le tue vacanze in Emilia Romagna
direttamente nella tua email!
Hai bisogno d’aiuto?
Emilia Romagna: terra da scoprire!
Seguici:

Emiliaromagnawelcome.com - Tutti i diritti riservati - P.IVA 02540800394
Credits TITANKA! Spa © 2016