Dove vuoi andare?





Ferrara Storica

Ferrara

Perdersi per le stradine medievali del centro storico, incontrando all'improvviso il magnifico Castello Estense, immergersi poi nell'Addizione Erculea, camminando attraverso i luoghi dove gli Estensi costruirono la loro fama ed il loro sfarzo, dove trovarono ispirazione letterati, artisti e pittori... Tutto questo è solo un assaggio dell'esperienza che potrai vivere a Ferrara.

Perdersi per le stradine medievali del centro storico, incontrando all'improvviso il magnifico Castello Estense e, proseguendo, immergersi nell'"addizione erculea", progetto di urbanistica rinascimentale che ha dato a Ferrara il titolo di "prima città moderna d'Europa", dove poter scoprire le bellezze dei palazzi rinascimentali, uno su tutti Palazzo dei Diamanti.

Camminare attraverso i luoghi dove gli Estensi costruirono la loro fama ed il loro sfarzo, dove trovarono ispirazione letterati come Ariosto, Torquato Tasso, pittori come Dosso Dossi, Giovanni Boldini, Filippo De Pisis, dove soggiornò De Chirico e si fece ispirare per la serie di dipinti ispirati alla città, dove ebbe i natali il grande regista Michelangelo Antonioni.

Tutto questo è solo un assaggio dell'esperienza che potrai vivere a Ferrara.

Partendo dal centro della città medievale troviamo la Cattedrale.

Conseguenza dell'evoluzione architettonica di vari periodi, nata sull'antica cattedrale di San Giorgio ha subito vari ampliamenti e aggiunte come il campanile, non compiuto, di Leon Battista Alberti, ed il nuovo abside, opera di Biagio Rossetti, architetto della famosa "addizione erculea". Da notare la facciata, equilibrata unione tra lo stile gotico e romanico, e la "loggia dei merciai" che percorre il fianco su piazza Trento Trieste.

Ad impreziosire questa opera, già di per se spettacolare, i dipinti di pittori eccellenti, come il Bastianino, con il Giudizio Universale ed il Guercino.

Uscendo da questo magnifico edificio e dirigendoci verso la zona rinascimentale, incontriamo il Castello Estense che si staglia in tutta la sua grandezza, sul paesaggio urbano di Ferrara.

Antica struttura difensiva e militare della città, è anche nel presente il baricentro di tutta Ferrara. Nicolò II lo volle per difendere la sua famiglia dalle insurrezioni popolari, e dalla posa della prima pietra, nel 1385, è il simbolo della città.

Vale la pena addentrarsi nelle sale, scoprendo le modifiche rinascimentali, le sale gotiche, le cucine ducali, e atraverso il percorso didattico documentario, scoprire di più sulla storia della famiglia estense e di questo edificio.

Addentrarsi nella storia di questa città, vuol dire proseguire fisicamente e temporalmente nellla storia estense.

Incontriamo così la famosa "addizione erculea", frutto del volere del duca Ercole I d'Este a cui è intitolato il corso che andiamo a percorrere ( corso Ercole I).

L'ampliamento urbano fece guadagnare a Ferrara il titolo di "prima città moderna d'Europa" ed il merito fu del grande architetto Biagio Rossetti.

Proseguendo lungo Corso Ercole I d'Este veniamo immersi nell'atmosfera rinascimentale della città, dove i nostri occhi verranno rapiti dalla facciata di Palazzo dei Diamanti, sede di mostre d'arte di altissima qualità , quali "La rosa di fuoco, la Barcellona di Picasso e Gaudí", "De Chirico a Ferrara, Metafisica e avanguardie", "Matisse, la figura, la forza della linea, l'emozione del colore" e molte altre che hanno fatto diventare questo luogo punto di riferimento culturale della città.

Uscendo da Corso Ercole I incontriamo Piazza Ariostea, punto focale della parte rinascimentale della città, dove, al centro troneggia la statua di Ludovico Ariosto. Nell'ultimo weekend di maggio la piazza diventa scenario per il palio ferrarese, nato nel 1279, considerato il più vecchio al mondo.

Ritornando in direzione della città medievale, incontriamo su corso Giovecca, uno dei migliori esempi di residenza signorile della città, la Palazzina Marfisa d'Este, ora casa-museo, al cui interno troviamo raffinati soffitti decorati a grottesche cinquecentesche ed un favoloso giardinetto su cui si aprono due loggette.

Prima di concludere il nostro percorso con una passeggiata rilassante lungo le mura di Ferrara, immancabile per addentrarsi completamente nell'atmosfera della città, merita la visita Palazzo Costabili, ora sede del Museo Archeologico Nazionale, dove poter godere delle bellezze architettoniche degli interni e del giardino, mentre scopriamo la collezione dei reperti della città di Spina, importante e vivace centro portuale etrusco, riscoperto a inizio '900.

Ed ora, dopo una giornata passata alla scoperta delle bellezze storiche, architettoniche ed artistiche di Ferrara, le mura della città estense diventano ristoro per gli occhi e per il corpo, dandoci la possibilità di apprezzare la natura che le circonda e le caratterizza con le stradine alberate, pur restando vicinissimi al centro storico.

Guide al territorio che potrebbero interessarti
Arte e Cultura
Itinerario dei Musei
Ravenna e i lidi
L'offerta culturale di Ravenna varia nei temi e nelle aree di competenza. Emblematica è proprio la rete museale della zona, decisamente multiforme: dall'arte antica all'arte cont...
Vai alla scheda
Arte e Cultura
Ravenna Street Art
Ravenna e i lidi
Arte di strada o arte urbana (street art) è il nome dato dai mezzi di comunicazione di massa a quelle forme di arte che si manifestano in luoghi pubblici, spesso il...
Vai alla scheda
Arte e Cultura
Le Saline di Cervia - Percorso storico
Cervia - Milano Marittima
DAL CENTRO ALLA SALINADalla Torre San Michele parte il percorso alla scoperta della città del sale e del mare, fruibile a piedi o in bicicletta. In ogni tappa del percorso C...
Vai alla scheda
Arte e Cultura
Riolo Terme, rinomata località di villeggiatura apprezzata per le virtù terapeutiche delle sue acque, è situata su un piccolo e lussureggiante altopiano che il fiume Senio a...
Vai alla scheda
Arte e Cultura
Atrium è un progetto europeo che coinvolge 18 partner internazionali, Forlì ne è la città capofila, e che sviluppa il tema dell’architettura dei regimi totalitari con l’intento...
Vai alla scheda
Arte e Cultura
Terre di Faenza
Ravenna e i lidi
“Terre di Faenza” è un insieme di luoghi e territori; Faenza, Brisighella, Casola Valsenio, Riolo Terme, Castel Bolognese e Solarolo: bellezze della natura e risorse dell'uomo....
Vai alla scheda
Arte e Cultura
Faenza, attraversata dalla via Emilia, è una città di origine romana. Se del periodo medievale restano solo poche importanti testimonianze architettoniche, non si può dire lo s...
Vai alla scheda
Arte e Cultura
Dante giunse a Ravenna nel 1318 e vi si fermò fino al giorno della sua morte avvenuta nel settembre del 1321. Il sommo poeta ritenne Ravenna una città idonea in cui terminar...
Vai alla scheda
Arte e Cultura
Itinerario dei Mosaici
Ravenna e i lidi
L’eccellenza artistica e culturale di Ravenna è indissolubilmente legata agli antichi mosaici riconosciuti patrimonio dell’umanità dall’UNESCO, e vive grazie ai laboratori d...
Vai alla scheda
Arte e Cultura
Biblioteca Malatestiana Prima biblioteca comunale d’Italia e l’unica al mondo, di tipo umanistico-conventuale, a essersi conservata perfettamente in ogni s...
Vai alla scheda
Le migliori strutture per le tue vacanze in Emilia Romagna
direttamente nella tua email!
Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.
Hai bisogno d’aiuto?
Emilia Romagna: terra da scoprire!
Seguici:

Emiliaromagnawelcome.com - Tutti i diritti riservati - P.IVA 02540800394
Credits TITANKA! Spa © 2016